giovedì 30 dicembre 2021

#Libri 'Il grillo del focolare' di Charles Dickens, molto più che una favola natalizia

Il grillo del focolare
di Charles Dickens

Dati tecnici:
Titolo originale: The Cricket on the Hearth, a FairyTale of Home
Traduzione: Emanuele Grazzi
Casa Editrice: Newton Compton Editori
Collana: Tascabili Economici Newton n. 122
Pagine: 94
Anno: 1845 (in Italia dal 1856, la mia edizione è del 1993)
Genere: racconto di Natale (?)


Trama: Epoca Vittoriana, Inghilterra.
Il buon ed amabile procaccia John Peerybingles sta per festeggiare un anno di matrimonio con la giovane e dolce Mary, detta Dot (Puntino), amatissima dal marito e vivace tuttofare del focolare domestico. Da poco un bimbo ha allietato la coppia e la vita sembra scorrere piacevole e allegra come negli ultimi mesi, custoditi dal Grillo, una sorta di coscienza che veglia su tutti loro (vi ricorda qualcosa?).
Tutto cambia, però, quando il procaccia porta a casa un misterioso signore, che ha chiesto ospitalità per una notte nella sua abitazione. 
All’improvviso tutto è destinato a cambiare; non solo la vita dei due coniugi, ma anche quella dei loro più stretti amici, da Caleb Plummer, povero fabbricante di giocattoli, a Bertha, figlia cieca di Plummer, da Mr Tackleton, burbero mercante di giocattoli, alla sognatrice May Fielding, amica di Mary e John e prossima sposa proprio di Mr Tackleton.
Cosa ha deciso il destino? Dot è realmente innamorata di John? O non è forse vero che la sua bontà è solo apparente e in realtà sta tramando qualcosa alle spalle del marito? Bertha conosce la verità sulla sua famiglia? E May è pronta a sposare un uomo come Mr Tackleton solo per i soldi?
Con maestria Dickens porta fino alle pagine finali dipingendo un quadro di un mondo ormai perduto e…

martedì 28 dicembre 2021

#Libri 'L'amore verrà' di Carla Castelli, novella natalizia per giovinette tra montagne e caprioli da salvare

L’amore verrà
aka Il Natale di Alice

di Carla Castelli

Dati tecnici:
Casa Editrice: Malipiero
Collana: Flirts n. 76
Pagine: 154
Anno: 1976 (la mia edizione è del 1985)
Genere: novella natalizia per giovinette

Trama: Anni Settanta. Paesino dolomitico in Trentino-Alto Adige
E’ finita la scuola e la tredicenne Alice, lunghi capelli scuri e carattere aggressivo per nascondere la sua insicurezza, va nello chalet di famiglia assieme al padre, il fratellino e la tata Francesca in un paesino incastonato tra le montagne.
Qui Alice incontra un gruppo di ragazzi con cui stringe amicizia e vive avventure meravigliose, tra le sciate con Lucio alla visita di chiese antiche con l’americano David, dal pranzo di Natale con il cugino Paolone alle chiacchierate con Lorenzo, dalla raccolta di regali per i bimbi del posto con Clarisse alla caccia di bracconieri di frodo…
Due settimane sulla neve, che la porteranno a conoscersi e ad aprirsi come mai fino a quel momento, con il cuore diviso tra il bellissimo David e il taciturno Lorenzo…

lunedì 20 dicembre 2021

#Libri 'Il pugnale alato', racconto giallo di G. K. Chesterton tra richiami al massacro di Glencoe ed echi di Simon Mago

Il pugnale alato
di G. K. Chesterton

Dati tecnici:
Titolo originale: The dagger with wings
Traduzione: M. L. Quintavalle
Casa Editrice: Mondadori
Collana: Gli speciali del Giallo Mondadori n. 58 – Gli investigatori di Dio
Pagine: 23
Anno: 1926 (in Italia dal ???, la mia edizione è del 2009)
Genere: racconto giallo

Trama: Campagna inglese, primi del Novecento.
Il dottor Boyne, ufficiale medico delle forze di polizia, convoca Padre Brown per chiedergli aiuto per un caso che non riesce a dipanare. Il facoltoso Arnold Aylmer, infatti, ha chiesto l’aiuto della polizia perché è convinto che la sua vita sia minacciata da un mago del crimine, John Strake, che ha già ucciso, a suo dire, i suoi due fratelli, dopo aver condotto alla morte il padre. Aylmer, tuttavia, non ha prove delle sue accuse.
In un gelido giorno di dicembre, con la neve che sta per arrivare, Padre Brown si reca presso la grande residenza di Aylmer per scoprire cosa si cela dietro a questa intricata situazione… 

martedì 14 dicembre 2021

#Libri 'La macchina del tempo' (1895), viaggio visionario di H. G. Wells verso il futuro agghiacciante di un'umanità priva ormai di libertà e di intelligenza

La macchina del tempo
di H. G. Wells


Dati tecnici:
Titolo originale: The time machine
Traduttrice: Graziella Sarno
Casa Editrice: Mursia
Collana: Corticelli n. 81
Pagine: 120
Anno: 1895 (in Italia dal 1902, la mia edizione è del 1987)
Genere: antesignano della letteratura di fantascienza

Trama: Londra – Fine Ottocento – Futuro lontano
Fervono dissertazioni accademiche in un’abitazione di Londra di fine Ottocento. Un noto studioso parla con un Medico, uno Psicologo e altri professionisti della sua teoria della possibilità che il tempo sia una quarta dimensione e che, se l’uomo imparasse a spostarsi in questa dimensione, potrebbe conoscere meglio il passato e anticipare il futuro.
I suoi colti amici rimangono scettici dalle sue parole e l’uomo (chiamato dal narratore solo il Viaggiatore del Tempo) decide di portare loro le prove di questa sua convinzione e, dando loro appuntamento qualche giorno dopo, sale sulla macchina del tempo da lui costruita ed inizia a viaggiare verso un futuro lontanissimo, fermandosi nel 802.701.
Il mondo che troverà, tuttavia, sarà molto diverso da quello immaginato e si imbatterà in un’umanità in declino, divisa in due entità distinte, ma terrificanti entrambe: gli Eloi e i Morlocchi.
I primi, vacui e leggiadri, senza un minimo di intelligenza, sembrano eterni bambini che amoreggiano in mezzo alla rigogliosa natura. I secondi sono dei non-uomini, che vivono nel sottosuolo, hanno paura della luce e si cibano degli Eloi.
Il problema vero per il Viaggiatore del Tempo sorge quando si accorge che i Morlocchi hanno rubato la sua macchina del tempo e…

lunedì 6 dicembre 2021

#Libri 'La sposa di Lord Antonio', quinto avventuroso capitolo della saga della Primula Rossa tra spie, Vandea e miniature...

La sposa di Lord Antonio
(La Primula Rossa #05)
della Baronessa Emma Orczy

Dati tecnici:
Titolo originale: Lord Tony’s Wife
Traduzione: non segnalato
Casa Editrice: Salani
Collana: Grandi romanzi Salani n. 74
Pagine: 331
Anno: 1917 (in Italia dal 1925, la mia edizione è del 1934)
Genere: antesignano della letteratura di spionaggio

Trama: Nantes – Bath – Nantes 1789-1793
Sulla scia dei moti di Parigi, che accesero la Rivoluzione Francese, Nantes inizia a sollevarsi contro la nobiltà locale, che risponde al nome del duca di Kernogan. I rivoltosi si incontrano di notte e, con torce accese, si avvicinano al castello, assalendo la carrozza dove si trova l’unica figlia del duca.
Tra colpi di pistola, cavalli al galoppo e minacce gridate a gran voce, i rivoltosi vengono fermati, ma la giovane Yvonne rimane sconvolta dall’accaduto, e il duca, per punire i rivoltosi, decide di fare una punizione esemplare condannando a morte il padre di Pietro Adet (la mente della rivolta), per stanare il figlio e metterlo in prigione. Pietro Adet non si presenta e il padre (unico veramente innocente della storia) viene ucciso.

martedì 30 novembre 2021

#Libri 'Teffan Tiegelmann investigatore privato' (1948) strabiliante giallo per ragazzi dello svedese Åke Holmberg tra tappeti volanti, pistole del Seicento e paste alla panna

Teffan Tiegelmann investigatore privato 
di Åke Holmberg

Dati tecnici:
Titolo originale: Ture Sventon privatdetektiv
Traduttore: Irma Back Affieri
Casa Editrice: Fratelli Fabbri Editore
Collana: Nuovi Successi Mondiali n. 13 (nella raccolta Lo strabiliante Signor Teffan)
Pagine: 66
Anno: 1948 (in Italia dal 1955)
Genere: libro giallo per ragazzi

Trama: Stoccolma – Lingonboda, Svezia. Anni Quaranta.
Teffan Tiegelmann è il più bravo investigatore privato di Stoccolma, forse di Svezia, ed anche il più coraggioso. Peccato che nessuno lo sappia e che nel suo ufficio non entri nessuno (se non qualche venditore).
Privo di soldi e con un difetto di pronuncia che non gli permette di pronunciare la S (tanto che in realtà si chiamerebbe Steffan, ma ha fatto cambiare il suo nome in Teffan affinché tutti lo pronuncino come lo pronuncia lui), vede la sua vita cambiare quando due simpatiche vecchiette si presentano alla sua porta per denunciare due farabutti che stanno mettendo in pericolo il loro paesino nel sud, Lingonboda, e, soprattutto, i loro giovani quattro nipoti che sono stati assaliti malamente dal Bue (così i bambini hanno chiamato l’uomo grosso e taurino).
Teffan accetta l’incarico ma… non ha soldi per andare a Lingonboda!
Potrebbe chiederli alla cara zia oppure…
Ma ecco che compra nel suo ufficio l’ennesimo venditore. Viene dall’Oriente e vorrebbe vendergli un tappeto magico che odora di cammello…
Con il tappeto volante (comprato con i soldi della zia), Teffan vola a Lingonboda pronto a dimostrare alla Svezia tutta che lui è il miglior detective mai nato ed incontra così i quattro bambini che…

mercoledì 17 novembre 2021

Period Oldies 37 - La porta proibita (Jane Eyre, 1943)

PERIOD OLDIES 37 – LA PORTA PROIBITA (Jane Eyre, 1943)*


Sebbene sia un film prodotto dalla 20th Century Fox, La porta proibita (Jane Eyre, 1943) è una pellicola voluta, creata e sviluppata da David O. Selznick, che nel febbraio 1941 ingaggiò John Houseman per scrivere la sceneggiatura, scritturò Robert Stevenson (Mary Poppins, Pomi d’ottone e manici di scopa) per ideare la regia e si assicurò la presenza di Joan Fontaine (Rebecca la prima moglie, Il sospetto) nella parte della protagonista.
Quando il ‘pacchetto’ generale fu pronto iniziò a cercare qualcuno lo acquistasse per produrlo ad un prezzo che viene ricordato come “favoloso”. Nel novembre 1942 arrivò il sì della 20th Century Fox. 
Nel frattempo Orson Wells si era liberato del suo legame con la RKO e poté unirsi al progetto come Selznick si era sempre auspicato.
Wells fu talmente entusiasta, che non solo lavorò nella parte di Rochester, ma lavorò nello script, collaborò al montaggio e al casting. Gli fu offerto di aggiungere il suo nome come produttore del film, ma declinò per non oscurare il lavoro di Robert Stevenson, con il quale aveva instaurato un ottimo rapporto.

martedì 16 novembre 2021

#Libri 'Viole del pensiero', grido di Louisa May Alcott contro la letteratura cattiva che avvelena i giovani

 Viole del pensiero
di Louisa May Alcott

Dati tecnici:
Titolo originale: Pansies
Traduzione: non segnalato
Casa Editrice: Carroccio Aldebaran
Collana: Orchidea
Pagine: 36
Anno: 1887 (in Italia dal 1957)
Genere: racconto

Trama: Stati Uniti, fine Ottocento.
Tre compagne di college, molto differenti tra loro, sono ospiti di un’anziana, ricca signora.
Fuori piove e la gita organizzata è stata rimandata.
Le tre giovani iniziano a parlare di libri ed emozioni legate ai testi scritti, ognuna con impressioni molto differenti dalle altre. Uditele, la signora Elena si unisce alla conversazione e delinea quale sia davvero un buon libro e quale uno cattivo. Ed infine regala dei preziosi consigli alle sue protette…

venerdì 5 novembre 2021

#Libri 'Rune', romance del 1903 di E. Werner tra fiordi norvegesi e leggende vichinghe

Rune

di E. Werner

Dati tecnici:
Titolo originale: Runen
Traduzione: non indicato
Casa Editrice: Salani
Collana: I Romanzi della Rosa n. 100
Pagine: 248
Anno: 1903 (in Italia dal 1904, la mia edizione è  del 1962)
Genere: romanzo di formazione, romance

Trama: Germania – fiordi norvegesi, fine Ottocento.
Bernhard Hohenfels, quindici anni, rimane orfano.
Sua madre lo ha abbandonato anni prima. Il padre, figlio ribelle di una nobile famiglia tedesca, si è suicidato dopo aver trasportato il figlio a vivere libero tra i fiordi norvegesi. Ormai solo, il giovane viene affidato alle cure del ferreo zio, che porta il suo stesso nome e che ha un posto importante nella politica del Secondo Reich.
Dopo dieci anni vissuti tra collegi e disciplina militare, Bernhard lascia la marina tedesca e torna nella casa del padre in Norvegia a Raansdal, dove chiede in sposa la sua antica amica d’infanzia Hildur, tagliando così ogni ponte con il passato, perché il matrimonio con una donna di umili natali lo priva dell’eredità dello zio.

martedì 2 novembre 2021

I 10 che... #05 I 10 tv movie di Natale che ho visto l'anno scorso e che mi sono piaciuti di più

ROMA (2 novembre 2021) - Si sta avvicinando Natale ed entro un paio di giorni (se non proprio stasera!) ricomincerò a vedere (o rivedere) film di Natale, che a dire il vero con il tempo sono diventati anche troppi, impoverendo le trame e rendendo molto difficile la visione di TUTTE le novità!

L'anno scorso ho visto 30 film nuovi (ovvero che non avevo mai visto, non necessariamente tutti film dello scorso anno) e scrivo qui la classifica di quelli che mi sono piaciuti di più.
Rimane fuori Gli stivali di Babbo Natale che vedeva come protagonista Noah Mills (il modello che io ho preso come volto di Mauro Cavalieri), ma nonostante la sua presenza, la trama era talmente povera che non ho potuto metterlo oltre al 24 posto.

Ma partiamo con il racconto di questi Tv Movie che in qualche modo mi hanno lasciato qualcosa di speciale dentro!

10) Natale in Tennessee (A Christmas in Tennessee, 2018)
Questo film è arrivato al decimo posto grazie alla presenza nel cast di Andrew W. Walker, attore canadese molto amato dagli spettatori di Hallmark (anche se questo film è prodotto da Lifetime Network), che ho conosciuto grazie a Quando chiama il cuore (è il perfido Billy Hamilton della prima stagione).
Film di Natale classico, adatto a tutta la famiglia, con alcuni spruzzi di originalità (ma non troppi).

martedì 26 ottobre 2021

#Libri 'Delitto a Honotassa', giallo period di Mignon G. Eberhart ambientato durante la Guerra di Secessione. Magnifico

 Delitto a Honotassa
di Mignon G. Eberhart

 

Dati tecnici:
Titolo originale: The crime at Honotassa o The Cup, the blade, or the gun
Traduttrice: Oriella Bobba
Casa Editrice: Mondadori
Collana: I classici del giallo n. 432
Pagine: 200
Anno: 1961 negli Usa; 1983 in Italia

Trama: 1863. New Orleans.
Sarah ha da poco ereditato dal padre una fonderia in Pennsylvania in affari con il costruttore di corazzate dell’Unione ed ha da poco contratto un matrimonio improvviso con Lucien Hugot, conosciuto a Cuba durante un viaggio d’affari e sposato spinta da un impulso.
Ora è diretta verso Honotassa, piantagione del marito, situata in un luogo isolato in pieno territorio confederato, mentre il marito è al fronte nel corso della Guerra di Secessione.
Nella piantagione incontra Rev, fratellastro di Lucien da cui lo stesso Lucien l’ha messa in guardia, e la grande famiglia degli Hugot che di certo non accoglie con entusiasmo una nordista.
La situazione si complica alquanto quando viene commesso un assassinio e in molti sembrano puntare il dito contro di lei, ad eccezione di Rev, che non sembra l’uomo malvagio di cui le parlava Lucien…
In attesa del ritorno del marito, sparito (e forse caduto?) in guerra, Sarah deve imparare ad occuparsi della piantagione e tirare avanti in un periodo in cui anche solo acquistare del cibo può essere assai complicato.

lunedì 25 ottobre 2021

#Libri 'Breve ritorno' (1939) giallo tradizionale di Mignon G. Eberhart

Breve ritorno

di Mignon G. Eberhart


Dati tecnici:
Titolo originale: Brief return
Traduzione: non indicato
Casa Editrice: Mondadori
Collana: I Classici del giallo n. 21
Pagine: 248
Anno: 1939 (in Italia dal 1946, la mia edizione è  del 1967)
Genere: giallo tradizionale

Trama: Stati Uniti, Anni Trenta.
Dopo un anno in cui tutti lo avevano creduto morto in un incidente aereo, torna nella tenuta di Tenacre il proprietario Basil Hoult.
Questa ricomparsa improvvisa crea paura e dolore in tutti, dalla moglie Alice, che si è risposata ed aspetta da poco un bambino, alla cugina Mary, che aveva ereditato la tenuta, dalla cognata Jane, che farebbe di tutto per proteggere la sorella Alice, fino all’anziano Joseph, che lavora come cameriere nella tenuta e che è stato già stato minacciato di essere cacciato.
Non è forse un caso, quindi, che Basil venga ucciso la sera stessa del suo ritorno. E non è forse un caso che Mary e Jane, trovato il corpo, si adoperino per nasconderlo (in fondo, se era già morto e nessuno sa del suo ritorno…).
Ma tutto viene fermato da Tom Tucker, medico legale della contea innamorato di Jane, che denuncia l’omicidio.
Chi è il colpevole? Chi sapeva del ritorno di Basil? A chi appartiene la pistola che ha sparato? E soprattutto che fine ha fatto Alice, scomparsa la sera stessa del delitto?
Tra indizi e contraddizioni, infine…

martedì 19 ottobre 2021

#Libri 'Storie su ordinazione' (1925) un capolavoro di Dorothy Canfield che insegna i giovani a pensare e creare (ma che è stato censurato)

Storie su ordinazione 

di Dorothy Canfield

Dati tecnici:
Titolo originale: Made-to-order stories 
Traduttore: Donatella Piccioni
Casa Editrice: Fratelli Fabbri Editore
Collana: Nuovi Successi Mondiali n. 8
Pagine: 138
Anno: 1925 (in Italia dai primi Anni Cinquanta)
Genere: libro per ragazzi

Trama: Stati Uniti. Anni Venti.
Jimmy è un vivace ragazzino di dieci anni che odia le favole (“sono così stupide!”) e non sa cosa fare di una novella che vuole insegnare qualcosa senza che uno se ne accorga. Per questo ama le ‘storie su ordinazione’ che gli racconta la mamma.
Ma di cosa si tratta? Si tratta di novelle che la madre racconta a Jimmy inserendo nella storia ‘ingredienti’ che Jimmy stesso chiede che vengano messi (un letto, un biscotto, un pirata, un elefante e tutto quello che la sua fantasia gli fa venire in mente). Solitamente Jimmy richiede circa cinque-sei ‘cose’ per ogni novella.
La madre, dalla fantasia brillante e con voce dolce e melodiosa, inventa le storie abilmente, creando avventure assurde ma verosimili inserendo al meglio quello che viene richiesto e incantando Jimmy, fino a quando anche lui non diventerà tanto abile nell’invenzione di storie da diventare lui stesso il narratore…

venerdì 8 ottobre 2021

#Libri 'L'ombra di una voce' di Barbara Erskine, un romanzo a cavallo tra la Scozia di Robert the Bruce e la City degli Anni Ottanta

L’ombra di una voce
di Barbara Erskine

Dati tecnici:
Titolo originale: Kingdom of shadows
Traduzione: Maria Luisa Cesa Bianchi
Casa Editrice: Sperling Paperback
Collana: Superbestseller n. 439
Pagine: 534
Anno: 1988 (in Italia dal 1991)
Genere: romanzo contemporaneo / period - supernaturale

Trama: Inghilterra – Scozia. Anni Ottanta e Trecento.
Clare Royland è una giovane donna viziata ed egoista che vive in una magnifica casa appena fuori Londra, contornata di tutti gli agi che le mette a disposizione il ricco portafoglio del marito Paul, imprenditore della City.
Annoiata da una vita in cui non trova il proprio ruolo, Clare desidera ardentemente un figlio, ma la giovane coppia non riesce ad averne.
In questa situazione di stallo, muore l’anziana zia Margaret, amatissima parente che divide l’eredità tra Clare (a cui vanno le rovine del castello di Duncairn) e il fratello di Clare, James (a cui va il patrimonio).
Questa eredità scatenerà le ire funeste di Paul (sempre a caccia di soldi) e destabilizzerà Clare, che, in depressione per la mancata maternità, si accosta allo yoga e alla meditazione.
Accade così che Clare entra in contatto con lo spirito di Isobel, antica padrona di Duncairn, che visse ai tempi di Robert the Bruce e che sembra essere avvolta da spiriti malvagi di cui vuole liberarsi…

lunedì 27 settembre 2021

#Libri 'Avventura da vendere' (1957), un gioiello dimenticato di Emma Claudia Pavesi

Avventura da vendere

di Emma Claudia Pavesi


Dati tecnici:

Casa Editrice: Baldini & Castoldi
Collana: La Melagrana n. 27
Pagine: 257
Anno: 1957
Genere: narrativa per giovinette

Trama: Milano (Italia) – Gryon (Svizzera). Anni Cinquanta.
Flavia Cosentini e Teodolinda Varazzi sono due amiche per la pelle. Una è povera, l’altra è ricca. Una è graziosa e timida, l’altra è esuberante e di grande personalità. Una passa le sue estati sempre nella campagna lombarda presso l’anziana balia della madre, l’altra va in giro presso le località più alla moda.
Poi un giorno accade l’imprevisto.
Teodolinda viene invitata presso dei lontani cugini per passare l’estate a Gryon in Svizzera, ma non ha nessuna voglia di andarci, perché ha già prenotato prima a Forte dei Marmi e poi a Cortina. Quindi perché non inviare l’amica Flavia a casa degli sconosciuti cugini? Flavia farebbe una vacanza “paradisiaca”, e lei non verrebbe incastrata da parenti che rompono le uova nel paniere.
Accade così che infine Flavia parte per la sua estate all’estero ma non tutto va come deve andare… Tra scambi di persone, bugie reiterate, mogli che compaiono all’improvviso, padri che parlano solo con battute teatrali, zii golosi e misteriosi, per Flavia (e Teodolinda) si tratterà di un’estate fuori dall’ordinario che porterà immense sorprese e delicati sentimenti d’amore…

lunedì 20 settembre 2021

#Libri 'A A A Agenzia Investigativa Offresi' (1981), divertente giallo per ragazzi di Cidiesse sulla scia della Banda dei Cinque

A A A Agenzia Investigativa Offresi

di Cidiesse


Dati tecnici:
Casa Editrice: Malipiero
Collana: Flirts n. 48
Pagine: 151
Anno: 1981
Genere: romanzo per giovani

Trama: Roma – Torvaianica. Estate. Primi Anni Ottanta.
E’ estate. Fa caldo. E quattro amici tra i quattordici e i quindici anni (per tacer del cane Staigiù) si semitrasferiscono in una villetta a Tor Vaianica, di proprietà di alcuni amici di famiglia in viaggio in Oriente per tutta la stagione.
I quattro amici hanno fondato un’agenzia investigativa dal curioso nome di ‘Spampidonia’ per aiutare i loro coetanei ed hanno già portato a termine con ottimi risultati i loro primi casi.
Mentre sonnecchiano e battibeccano indolenziti dal caldo romano, vengono contattati da Mirella, 16 anni, che vive in via della Camilluccia con gli zii, che, perfidi, vogliono uccidere il suo cane!
La Spampidonia non può tollerare un delitto contro un animale ed offrono il loro immediato aiuto accogliendo Mirella (e cane) nella casa di Tor Vaianica (che non è loro).
Ma i sospetti di Mirella sono reali? Il suo cane è veramente in pericolo? Gli zii sono realmente dei mostri senza cuore?

lunedì 13 settembre 2021

#Libri Con 'Erede dei Kuragin' si conclude la trilogia zarista di Constance Heaven

Erede dei Kuragin (Kuragin #03)
di Constance Heaven


Dati tecnici:
Titolo originale: Heir to Kuragin
Traduzione: Paola Forti
Casa Editrice: Mondadori
Collana: Oscar Mondadori n. 1270
Pagine: 271
Anno: 1978 (in Italia dal 1980)
Genere: period romance


Trama: Impero russo (Caucaso e Georgia). Metà Ottocento.
Anna Gadiani intraprende un lungo, pericoloso viaggio dal cuore della Russia verso Kumari, nel Caucaso, per cercare il marito Gregory, scomparso da tempo dopo essere rimasto coinvolto in circostanze misteriose legate alla ribellione che da anni tormenta la zona dell’attuale Georgia. In molti, tutti, credono che il marito sia morto ed Anna deve raggiungere il luogo anche per dirimere annose questioni ereditarie e, in caso, prendersi sulle spalle il peso di una tenuta contro gli occhi celati di molti nemici.
Nella traversata Anna è accompagnata dalla zia ed aiutata da una compagnia di soldati guidati da Paul Kuragin, che sembra conoscere segreti legati a Gregory che però non vuole confidarle.
Tra balli sfavillanti, monti innevati, cugini insidiosi e rapimenti pericolosi, Anna si troverà di fronte al suo passato e al suo futuro…

lunedì 6 settembre 2021

#Libri 'Il segreto della tomba d'oro' di Elizabeth Peters, ottava avventura di Amelia Peabody archeologa di inizio Novecento

Il segreto della tomba d’oro
#08 della serie di Amelia Peabody
di Elizabeth Peters

Dati tecnici:
Titolo originale: The Hippopotamus Pool
Traduttrice: Maria Barbara Piccioli
Casa Editrice: Nord
Collana: Narrativa n. 310
Pagine: 461
Anno: del 1996 (in Italia nel 2004, l’edizione Astoria è del 2008)
Genere: giallo period


Trama: 1900. Egitto. 
La famiglia Emerson arriva al gran completo a Il Cairo (non solo Radcliffe con la moglie Amelia, ma anche il figlio Ramses e la figlia adottiva Nefret ). 
Mentre Emerson è ancora indeciso su dove concentrare gli scavi, i coniugi vengono contattati da una figura misteriosa che assicura di essere la reincarnazione della reincarnazione della reincarnazioni di un antico sacerdote egizio, che vuole indicare al Padre delle Imprecazioni dove è situata una tomba ancora sconosciuta. Poi l’uomo scompare, per poi essere trovato morto dentro al Nilo.
Radcliffe, dubbioso e scettico, decide comunque di avventurarsi fino a Dra Abu el-Naga per localizzare la tomba e per farlo chiede anche l’aiuto del fratello Walter e della cognata Evelyn, in profonda crisi matrimoniale dopo la perdita della figlia.
Tra falsari intriganti, ragazzi misteriosi, insegnanti pericolose e giornalisti spavaldi, Amelia Peabody cercherà di aiutare il marito non solo a scoprire dove si trova la tomba perduta ma anche a sfuggire ai peggiori criminali d’Egitto, fino a quando lo stesso Ramses non viene rapito e…

giovedì 22 luglio 2021

#Libri 'Occhi azzurri e Occhi grigi', affascinante romance (1928) della Baronessa Orczy ambientato nelle Montagne Rocciose canadesi

Occhi azzurri e Occhi grigi
della Baronessa Emma Orczy


Dati tecnici:
Titolo originale: Blue Eyes and Gray (o Blue Eyes and Grey)
Traduzione: non segnalato
Casa Editrice: Salani
Pagine: 316
Anno: 1928 (in Italia dal 1933)
Genere: romance

Trama: Anni Venti. Canada, Inghilterra.
Amos e Fay si incontrano in Canada, dove Amos si è rifugiato dopo la morte del padre, e si innamorano.
Da sempre abituato agli agi e al divertimento, Amos decide di cambiare vita, trovare un lavoro e poter così sposare Fay. I buoni propositi, tuttavia, si perdono dietro a cattive compagnie che trascinano Amos in giro per l’Europa e piano piano il suo cuore si allontana da Fay, fino a recarsi in un locale malfamato in dolce e femminile compagnia. Quando la polizia sopraggiunge per arrestare i presenti, Amos reagisce e colpisce con un pugno un poliziotto, che muore battendo la testa.
Arrestato, viene giudicato colpevole e trasportato in treno verso la sua prigione.
Mentre ripensa a tutti gli errori della sua vita e alla sua Fay, così infaustamente dimenticata, accade quello che non ci si aspetta. Il treno deraglia e precipita. Decine di morti. Paura. Tensione.
Amos viene raccolto, ferito, da un’infermiera che lo cura e lo protegge, pur conoscendo la sua identità.
Una volta guarito ad Amos viene offerta una seconda possibilità: lasciare l’Inghilterra con un documento falso ed andare nel Nuovo Mondo per rifarsi una vita, in quel Nuovo Mondo in cui abita ancora Fay.
Tra scenari splendidi, cani curiosi, case maestose, giochi proibiti, omicidi arditi, Amos/Lance troverà il modo di riscattare il suo onore e…

lunedì 19 luglio 2021

#Libri 'La maledizione di Nefertiti', giallo period di Elizabeth Peters ambientato nell'Egitto di fine Ottocento

La maledizione di Nefertiti
#07 della serie di Amelia Peabody
di Elizabeth Peters

Dati tecnici:
Titolo originale: The snake, the crocodile and the dog
Traduttrice: Maria Barbara Piccioli
Casa Editrice: Nord
Collana: Narrativa n. 297
Pagine: 452
Anno: del 1992 (in Italia nel 2003, l’edizione Astoria è del 2007)
Genere: giallo period

Trama: 1898-1899. Inghilterra-Egitto.
Dopo la straordinaria avventura in Sudan, gli Emerson tornano in Africa lasciando in Inghilterra Ramses e Nefret, la ragazza che hanno preso sotto la loro custodia dopo essere sfuggiti dalla città perduta.
Questa volta Emerson decide di procedere con gli scavi ad Amarna, città egizia fondata dal faraone Akhenaton, ma le disavventure per i coniugi Emerson sono sempre dietro l’angolo.
Il Padre delle Imprecazioni è infatti nel mirino di molti cacciatori di tesori che vogliono costringerlo a disegnare la mappa su come raggiungere la città perduta e viene rapito. Amelia Peabody riesce a liberare l’amato marito con l’aiuto del fedele Abdullah, ma scopre con terrore che Emerson ha dimenticato gli ultimi anni della sua vita (da quando l’ha conosciuta) e non ricorda nulla né di lei né del figlio.
Gli scavi iniziano lo stesso (con Amelia che si finge una semplice collaboratrice), ma i nemici seguono da lontano i passi degli Emerson e tra piccoli incidenti, cani rabbiosi e tombe mozzafiato, infine accade che…

martedì 13 luglio 2021

#Libri #UnescoBook 'Una vita di sogni', libro per giovinette di Pamela Sampson con magnifiche scene ambientate a Stonehenge

Una vita di sogni
di Pamela Sampson


Dati tecnici:
Casa Editrice: Malipiero
Collana: Flirts n. 6
Pagine: 152
Anno: 1970
Genere: romanzo per giovinette


Trama: Londra. Fine Anni Sessanta.
Desdemona ‘Desdy’ Glouster ha 18 anni. Ha appena perduto il padre, ha il fratello maggiore all’Università e vorrebbe aiutare la madre trovando lavoro. Si rivolge a James Princeton, nobile titolare della più importante fabbrica di cartone e di legno di Londra, presentandosi con una lettera di un professore del fratello.
La ragazza viene subito assunta e in breve tempo conquista il cuore sia di Princeton (allegro e con una smodata passione per i cavalli) che del direttore della fabbrica, Edward Salfrod (gran lavoratore e molto serio).
A chi deciderà di cedere la silenziosa Desdy che vive in un mondo fatto solo di romanticismo e fantasie?
Tra un amica italiana vulcanica e un fratello molto saggio, viaggi a Stonehenge e in riviera ligure, rivolte sindacali e incidenti d’auto, la vita di Desdy cambia profondamente e capirà cosa cerca veramente il suo cuore…

venerdì 9 luglio 2021

10 che... #04 - I 10 film (e non solo) incentrati sul calcio che amo di più

In attesa della finale di Euro 2020,  per la rubrica 'I 10 che...', parlo dei 10 prodotti cinematografici o televisivi incentrati sul calcio che più hanno acceso la mia fantasia.

Si tratta di film molto noti o di pellicole di nicchia. 
Tutte hanno in comune, però, la passione per il pallone!

Ma non perdiamo tempo ed andiamo!

10) I colori della vittoria (1990)
Miniserie televisiva prodotta dalla Rai in vista dei Mondiali in casa del 1990 e diretta da Vittorio de Sisti, conta nel cast Claudio Amendola (nel ruolo del calciatore Attilio Ferraris) e Nancy Brilli.
Incentrato sui Mondiali vinti in casa nel 1934, la trama ripercorre in maniera troppo romanzata le vicende del primo grande trionfo degli Azzurri del calcio negli Anni Trenta (seguirono le Olimpiadi del 1936 e i Mondiali del 1938), tralasciando inspiegabilmente la ricostruzione delle partite (a stento si viene a sapere con chi gioca l'Italia), enfatizzando storie private di alcuni giocatori (che poi si rivelano non rispondenti a realtà) e calcando troppo la mano contro il fascismo (ogni tanto lasciate la politica fuori dalla narrativa se ci riuscite!).
Lo sceneggiato però si avvale di una performance straordinaria di Adalberto Maria Merli nel ruolo dell'allenatore Vittorio Pozzo.
La voce, lo sguardo, i pensieri. 
Un ritratto intenso e profondo.

martedì 6 luglio 2021

#Libri 'Appuntamento con la morte', giallo rosa di Patricia Wentworth nell'Inghilterra degli Anni Cinquanta

Appuntamento con la morte
#30 della serie di Miss Silver

di Patricia Wentworth


Dati tecnici:
Titolo originale: The fingerprint
Traduttrice: Michela Mirandola
Casa Editrice: Mondadori
Collana: Il giallo Mondadori n. 1535
Pagine: 154
Anno: 1956 (in Italia dal 1978)
Genere: giallo classico

Trama: Anni Cinquanta. Deeping, Inghilterra.
Jonathan Field, ricco eccentrico (colleziona impronte digitali) vive con la nipote Georgina, accolta in casa quando da piccola era rimasta orfana.
Tutti vedono nella ferma ma dolce ragazza la sua erede naturale ma tutto viene stravolto quando il signor Field incontra per caso la diciottenne Mirrie, figlia di lontani cugini morti durante la guerra e costretta a vivere di stenti. Field non solo la porta in casa, ma ne rimane talmente incantato, da decidere, in un impeto di furia, di diseredare completamente Georgina e lasciare tutto all’adorabile e innocente Mirrie.
Qualcuno lo viene a sapere e Field viene trovato morto nel suo studio.
E’ stato ucciso per evitare che riuscisse nel suo intento? O perché aveva appena cambiato il testamento? O forse dipende dalle impronte digitali che collezionava con maniaca precisione? E soprattutto chi è la vera eroina della storia? La controllata Georgina o la lacrimevole Mirrie?
Ad indagare sul mistero tornano Frank Abbott e Miss Maud Silver che scopriranno che…

mercoledì 30 giugno 2021

#Libri 'Un cavallo per la strega', emozionante giallo di Agatha Christie sulla manipolazione delle menti

Un cavallo per la strega

di Agatha Christie


Dati tecnici:
Titolo originale: The pale horse
Traduzione: Lidia Ballanti
Casa Editrice: Mondadori
Collana: I Classici del Giallo n. 363
Pagine: 202
Anno: 1961 (in Italia dal 1962, la mia copia è del 1980)
Genere: giallo

Trama: Primi Anni Sessanta. Inghilterra.
Un sacerdote viene ucciso mentre torna a casa di notte dopo aver portato l’estrema unzione ad una donna che, prima di morire, ha voluto confessarsi.
Addosso gli viene ritrovata un lista di nomi, all’apparenza senza alcun legame tra loro.
Nelle indagini viene coinvolto suo malgrado lo scritto Mark Easterbrook, parente di una delle persone della lista.
Passo dopo passo, la realtà che si presenta davanti agli occhi è molto strana e dal sapore inquietante, fino a quando anche Mark…

martedì 22 giugno 2021

#Libri 'La vedova riluttante' frizzante giallo-rosa di Georgette Heyer. Mozzafiato.

La vedova riluttante

di Georgette Heyer


Dati tecnici:
Titolo originale: The reluctant widow
Traduttrice: Anna Luisa Zazo e Cecilia Vallardi (parti mancanti)
Casa Editrice: Astoria
Collana: Astoria / Vintage
Pagine: 277
Anno: del 1946 (in Italia nel 1980, l’edizione Astoria è del 2021)
Genere: regency

Trama: 1813, Sussex, Inghilterra.
Miss Elinor Rochdale è di nobili origini, ma è povera dopo che il padre non solo ha sperperato tutto al gioco, ma ha anche pensato di togliersi la vita.
Con poche speranze nella vita, Miss Elinor decide di diventare governante e come unico lavoro trova un’occupazione presso l’autoritaria signora Macclessfield per occuparsi del suo bambino viziato e irascibile.
Una volta arrivata nel Sussex, rimane stupita della nobile carrozza che l’attende per portarla della dimora e delle cure che le vengono elargite.
Ancor di più rimane basita dalla residenza signorile (anche se molto diroccata) in cui viene accolta.
E di certo non può non rimanere colpita dall’uomo per cui deve lavorare, autoritario e quasi dispotico.
Piano piano, Miss Elinor si rende conto dell’incredibile equivoco in cui è caduta e che quella non è affatto la casa di Mrs Macclessfield e che di fronte a lei si trova addirittura il conte Carlyon, che la vorrebbe assumere come moglie di suo cugino, il signor Chaviot, con la promessa che il matrimonio sarebbe di assai breve durata.

martedì 15 giugno 2021

#Libri 'La stirpe di Astrov' di Constance Heaven, tra amore appassionato e la rivolta decabrista contro lo zar Nicola I

La stirpe degli Astrov (Kuragin #02)

di Constance Heaven

 

Dati tecnici:
Titolo originale: The Astrov Inheritance
Traduzione: Tina Honsel
Casa Editrice: Mondadori
Collana: Oscar Mondadori n. 558
Pagine: 246
Anno: 1973 (in Italia dal 1974)
Genere: period romance

 


Trama: Inghilterra - Russia, 1824-1825.
Sophie decide (di malavoglia) di partire per la Russia, per andare a trovare la sorella Amaryllis ‘Rilla’ Weston, ora moglie del conte Andrei Kuragin. Sebbene non intenda affrontare un viaggio così lungo e soprattutto non aneli ad incontrare il cognato, reo, a suo avviso, di averle strappato la sorella, Sophie si trova costretta ad accettare perché Rilla, perso da poco il figlio piccolo durante un incendio, ha bisogno di lei.
L’arrivo in Russia sarà per Sophie diverso da quello che si aspettava: Andrei non è quell’uomo arrogante che aveva a lungo pensato, i luoghi sono accoglienti e molti nuovi amici sono all’orizzonte, in special modo Leon e Irina Astrov, cari amici di Andrei…

martedì 8 giugno 2021

#Libri 'La famiglia Kuragin', romance di Constance Heaven ambientato nella Russia zarista del 1819

La famiglia Kuragin (Kuragin #01)

di Constance Heaven

 

Dati tecnici:
Titolo originale: The house of Kuragin
Traduzione: Marina Bianchi
Casa Editrice: Mondadori
Collana: Oscar Mondadori n. L 135
Pagine: 214
Anno: 1972 (in Italia dal 1973)
Genere: period romance

Trama: Inghilterra - Russia, 1819.
Amaryllis ‘Rilla’ Weston ha 21 anni. Il padre è morto suicida da poco, lasciando la famiglia con gravi problemi economici. Rilla, maggiore di quattro fratelli, decide di portare aiuto alla madre accettando il lavoro come insegnante di inglese per il bambino di una ricca famiglia russa, sebbene molto la spaventi di questo lungo viaggio attraverso tutto il continente.

giovedì 20 maggio 2021

#Unesco - Addio Darwin's Arch

Il 17 maggio il Ministero dell'Ambiente e dell'Acqua dell'Ecuador ha comunicato che il Darwin's Arch nelle isole Galapagos è crollato a causa dell'erosione dovuta al maltempo.

L'arco si trovava a meno di un chilometro dalle coste dell'isola Darwin, la più grande dell'arcipelago.

Con immagini tratte dal web raccontiamo la bellezza di questo arco naturale...

Ricordiamo che le isole Galapagos sono entrate nel Patrimonio dell'Umanità nel 1978.

Nel 2017 era crollato un altro arco naturale bellissimo, la Finestra Azzurra nell'isola di Malta.

martedì 13 aprile 2021

#Libri 'Una donna di classe' di Georgette Heyer. Divertente, frizzante e con un retroscena affascinante...

* Questa recensione è da considerarsi un articolo omaggio al gruppo Facebook Sanditon -Italia (Sanditalians) che mi ha richiesto di pubblicare tutte le recensioni che ho scritto dei libri di Georgette Heyer. Questo articolo lo scrissi nel 2014 senza intenzioni di pubblicarlo, per questo si tratta di pensieri brevi e molto di impatto emotivo.


Una donna di classe

di Georgette Heyer

Dati tecnici:
Titolo originale: A Lady of Quality
Traduttrice: Anna Luisa Zazo con inserti delle parti mancanti di Bruna Mora
Casa Editrice: Astoria
Collana: Astoria Vintage
Pagine: 273
Anno: 1972 (in Italia dal 1975 – in versione integrale dal 2013)
Genere: regency

Trama: Annis Wychwood è una ricca nubile di 29 anni, di una bellezza mozzafiato e molto indipendente. Decisa a vivere da sola, lontano dal fratello che ama molto ma con cui la convivenza è difficile, è affiancata da una chaperon, la signorina Farlow, molto loquace e noiosa.
La sua vita viene completamente stravolta dall’incontro con la giovane Lucilla Carleton, scappata di casa per sfuggire ad un matrimonio combinato, ed accompagnata nella fuga dal suo futuro marito, Ninian Elmore, che considerava appropriato far fuggire da sola la sua amica d’infanzia!
Da qui iniziano una serie di disavventure per l’intraprendente Annis, che decide di prendere sotto la sua ala protettiva la vivace Lucilla e di presentarla alla società di Bath, portandola a feste, balli e concerti (sempre con Ninian come scorta).
A complicare le cose è l’arrivo del tutore di Lucilla, Oliver Carleton, libertino che poco si occupa del giudizio della società, ma che irrompe prepotente nel cuore di Annis… 

martedì 6 aprile 2021

#Libri 'La freccia d'argento' di Josef Reding (1952), un inno alla gioventù e alla passione per i motori

La freccia d’argento

di Josef Reding

Dati tecnici:
Titolo originale: Silberspeer und roter reiher
Traduzione: Isa Sertoli
Casa Editrice: Fratelli Fabbri Editore
Collana: Nuovi Successi Mondiali n. 18
Pagine: 134
Anno: 1952 (in Italia dal 1954)
Genere: narrativa per ragazzi, motori

Trama: Cittadina C. della Germania nord-occidentale. Primi Anni Cinquanta.
La guerra è da poco finita. La Germania si sta ricostruendo. E i giovani si divertono con un gioco iniziato a New York nel 1933 e divenuto di gran voga in tutto il mondo: le corse con le casse di sapone.
Nel momento in cui inizia la storia c’è grande fibrillazione nell’aria, perché sta per partire il campionato regionale, il cui vincitore parteciperà al campionato nazionale.
Un gruppo di sette ragazzini è affascinato dalla sfida e, affidandosi alle capacità di Stucchino, sono pronti a iscrivere la loro macchina: la Freccia d’Argento!
Il fatto che la macchina non sia ancora pronta non è un problema. Né il fatto che la banda rivale farà di tutto per ostacolarli a partecipare, spegne i sogni del giovane gruppo.
Guidati dal cappellano di San Michele, i ragazzini sono pronti alla sfida e sono pronti a inseguire i loro sogni, imparando anche a mettere le loro personalità da parte per dare spazio al gruppo…

venerdì 2 aprile 2021

Sepolcri 2021

La tradizione dei Sepolcri il giovedì sera o il venerdì mattina mi è stata insegnata dalla mia mamma e dalla carissima Pupa, con cui ci incontravano ogni anno in Centro a Roma, per ammirare come venivano allestiti.

Quest'anno sono tornata a ammirarli dopo l'assenza forzata dello scorso anno, ma le restrizioni hanno impedito il ripetersi della tradizione (ci siamo scambiati foto via Whatsapp).

Metto qui le foto dei sepolcri di quest'anno, questo 2021 così strano.

Se avete anche voi foto dei sepolcri di quest'anno, postatele nei commenti o inviatemeli a info@ilmondodimauroelisi.it e li pubblicherò qui di seguito.


lunedì 22 marzo 2021

#Libri 'Vele insanguinate' (1914), omicidi sul castello di poppa per la regina del giallo d'esordio americano Mary Roberts Rinehart

Vele insanguinate

di Mary Roberts Rinehart


Dati tecnici:
Titolo originale: The after house
Traduzione: non specificato
Casa Editrice: Mondadori
Collana: I Gialli Economici Mondadori n. 56
Pagine: 63
Anno: 1914 (in Italia dal 1936)
Genere: giallo

Trama: Inizio Novecento, East Coast, Stati Uniti.
Ralph Leslie, appena laureatosi in medicina e senza un soldo, contrae una violenta febbre che lo costringe in ospedale per mesi. Una volta guarito attende l’inizio dell’attività lavorativa come medico (in autunno) e decide di imbarcarsi come marinaio/cameriere in uno yacht privato, per guadagnare e stare contemporaneamente all’aria aperta per riprendersi (e per stare accanto all’affascinante Elsa Lee, aggiungerebbe l’amico McWhirter).
La crociera, tuttavia, non è tranquilla come Leslie si aspettava.

martedì 16 marzo 2021

#Libri - 'Le Rane non si arrendono' di Emma Claudia Pavesi. Sapete cosa sono gli agonali? Venite a scoprirlo...

Le Rane non si arrendono

di Emma Claudia Pavesi


Dati tecnici:
Casa Editrice: Baldini & Castoldi
Collana: La Melagrana n. 11
Pagine: 265
Anno: 1955
Genere: narrativa per giovinette

Trama: Centro Italia, primi Anni Cinquanta.
In una cittadina fittizia situata tra Toscana e Umbria stanno per iniziare gli agonali, gare di recitazione, atletica, ballo, culinaria, equitazione in cui si sfidano le diverse contrade.
Le squadre sono formate per lo più da giovani, che tuttavia in alcune gare specifiche (c’è anche la gara di scopone scientifico e si può non ingaggiare il vecchio del paese nella sfida?) necessitano di richiedere l’aiuto degli adulti.
La storia si concentra sulla contrada le Rane e sulle storie che vivono i protagonisti, in particolare la famiglia Fornaris, formata da padre, madre e cinque ineguagliabili figli (la protagonista della storia è Beatrice, quindici anni).
Gli agonali di quest’anno sono ancora più importanti perché, nell’eterna lotta tra città alta e città bassa, quest’anno c’è anche il braccio di ferro per la costruzione del nuovo liceo, abbandonando l’edificio storico (e un po’ malandato) della città alta per costruire un nuovo edificio (troppo moderno e in contrasto con il carattere del borgo) nella città bassa.

giovedì 4 marzo 2021

#Libri 'E' sempre aprile a Villa Rosa' (1953) della misteriosa Emma Claudia Pavesi

E’ sempre aprile a Villa Rosa

di Emma Claudia Pavesi


Dati tecnici:
Casa Editrice: Baldini & Castoldi
Collana: La Melagrana n. 3
Pagine: 211
Anno: 1953
Genere: narrativa per giovinette

Trama: Lombardia, primi Anni Cinquanta. Estate.
Villa Rosa è una residenza estiva nella campagna lombarda, dove passa l’estate la signora Rosa (ex cantante lirica) con i figli e qualche nipote.
L’ambiente è allegro e divertente, anche se sulla casa incombe un’ipoteca che deve essere pagata entro la fine di settembre, o la villa sarà perduta per sempre.
Gabriella, 16 anni, nipote di zia Rosa e affezionatissima ai cugini e alla casa, decide di sfruttare l’estate per tentare, con l’aiuto dei cugini e di alcuni inseparabili amici, di risolvere il problema.
Scrive lettere, allestisce rappresentazioni teatrali, bussa alle porte di parenti vicini e lontani, chiede consigli a tutti, ma la situazione non sembra trovare uno sbocco…

martedì 23 febbraio 2021

#Libri Recensione di 'Intrighi al castello' regency di Georgette Heyer con screziature di giallo

Intrighi al castello
di Georgette Heyer


Dati tecnici:
Titolo originale: The quiet gentleman
Traduttrice: Anna Luisa Zazo
Casa Editrice: Mondadori
Collana: Oscar Mondadori Narrativa n. 488
Pagine: 226
Anno: 1951 (in Italia dal 1981)
Genere: regency

Trama: Inghilterra, 1816.
Ad un anno dalla morte del padre, il settimo conte di St Erth giunge al Castello di Stanyon per prendere possesso del titolo e dell’eredità. L’accoglienza non è delle migliori. La matrigna non lo vede di buon occhio e non vuole avere accanto il figliastro nella dimora che ritiene sua. Ancor più astio dimostra il fratellastro Martin, convinto che il titolo sarebbe stato molto più giusto se fosse passato a lui.
In questo clima teso, si muovono anche il cugino Theodore, amministratore delle terre, e la giudiziosa Drusilla Morville, una sorta di dama di compagnia di Lady St Erth cresciuta con idee repubblicane.
Tra donne affascinanti (non di certo Drusilla) ed idee molto sensate (queste sì, di Drusilla), cavalcate e balli primaverili, una mano misteriosa attenta alla vita del conte e la stanca quotidianità al castello precipita in una intricato dedalo di sospetti e di paura…

mercoledì 10 febbraio 2021

#Libri Recensione di 'L'angelo e il Duca' di Amelia J. Parker, omaggio a 'La pedina scambiata' di Georgette Heyer

L’angelo e il Duca

di Amelia J. Parker

Dati tecnici:
Casa Editrice: O.D.E. Edizioni
Pagine: 224
Anno: 2020
Genere: period romance 


Trama: Inghilterra-Francia, 1857-1858
Il Duca di Davenheim è un uomo maturo, vittima di un matrimonio infelice e ormai dedito al vizio.
Pochi amici, molte amanti e nessuna speranza per il futuro.
Un giorno incontra Angel, un ragazzo di strada, al quale egli fa una gentilezza subito dimenticata. Dimenticata da lui, ma di certo non da Angel, che per giorni attende di poterlo rincontrare e fargli dono del suo tesoro più prezioso.
L’incontro si ripete infine sulle scale di un teatro dove il ragazzo vende dei fiammiferi.
Al vederlo Angel si riempie di gioia e cede al Duca una pietra di color azzurro trovata tempo prima in spiaggia. Il Duca riconosce immediatamente in quella pietra uno zaffiro e vorrebbe restituirlo al ragazzo, ma egli si rifiuta.
L’integrità e la forza di quell’anima giovane stordiscono il Duca, che decide immediatamente di accogliere Angel in casa per renderlo il suo paggio.
Ma non tutto è come sembra e la vita conduce il Duca all’interno di un incredibile intrigo, a sacerdoti silenziosi, a mogli vendicatrici e a principi autorevoli, mentre Angel…

martedì 2 febbraio 2021

#Libri - 'Il sogno di Belle' di Mary Balogh, regency natalizio piuttosto fiacco

Il sogno di Belle

#02 della serie I Frazer

di Mary Balogh


Dati tecnici:
Titolo originale: Christmas Belle
Traduttrice: Barbara Murgia
Casa Editrice: Mondadori
Collana: Oro Super n.2  (è un Omnibus con tre romanzi dal titolo Una questione di classe)
Pagine: 196
Anno: 1994 (1995 in Italia, la mia versione è del 2011)
Genere: romance, regency

Trama: Inghilterra, intorno al 1820.
Jack Frazer si prepara per andare ad un ritrovo di famiglia presso i suoi nonni, i Duchi di Portland. Sa perfettamente che non si tratta di una riunione tranquilla, perché mai lo sono quelle organizzate dalla duchessa. E questa volta ancor di più Jack sente la pressione, perché i nonni desiderano che lui metta la testa a posto e si fidanzi con una giovane di buona famiglia.
Visto che Jack è fin troppo allegro, è la duchessa in persona ad adoperarsi per trovare la dama giusta e la scelta ricade sulla giovanissima Juliana, timida fanciulla non ancora presentata in società dai natali ineccepibili.
Jack sarebbe anche pronto a capitolare se il caso non avesse deciso di metterci lo zampino.

giovedì 21 gennaio 2021

#Recensione 'La prima neve' di Mary Balogh, una storia d'amore sulle pagine di 'Ella si umilia per vincere' di Goldsmith

La prima neve

#01 della serie I Frazer

di Mary Balogh


Dati tecnici:
Titolo originale: The first snowdrop
Traduttrice: Gioia Selis
Casa Editrice: Mondadori
Collana: Oro Super n.2  (è un Omnibus con tre romanzi dal titolo Una questione di classe)
Pagine: 193
Anno: 1986 (2006in Italia, la mia versione è del 2011)
Genere: romance, regency

Trama: Inghilterra, 1814-1817.
Alexander Stewart, visconte di Merrick, rimane intrappolato dalla neve in una casa di campagna per un’intera notte, con presente dentro a quelle mura solo Anne Parrish, sorella silenziosa e timida di un barone.
Al mattino seguente, torna in casa Bruce, il fratello di Anne, assieme al curato del villaggio e scopre quello che è accaduto. E sebbene in realtà tra Alexander e Anne non sia successo assolutamente niente, la reputazione della fanciulla è rovinata per sempre e l’onore impone ad Alexander di chiederla in moglie.
Anne in principio è convinta che il visconte abbia visto in lei la donna che è e che lui sia realmente innamorato di lei.
Ma ben presto i sogni si infrangono per la giovane ingenua sposa.

giovedì 14 gennaio 2021

#Libri - 'Uno strano Natale' di Claudia Genovese, novella natalizia divertente ed originale ambientata in Abruzzo

Uno strano Natale

di Claudia Genovese

Dati tecnici:
Casa Editrice: Malipiero
Collana: Flirts n. 54
Pagine: 154
Anno: 1982
Genere: novella natalizia


Trama: Inizio Anni Ottanta, 24 dicembre. Roma – Appennini abruzzesi.
Una vigilia di Natale inattesa e avventurosa attende i fratelli Giolligiò e Gualtiero.
Rimasti a Roma per ritirare la carne ordinata dai genitori per il cenone della Vigilia, i due (assieme al pettegolo pappagallo Aristofane) dovrebbero prendere di prima mattina la corriera che passa sotto casa per raggiungere Vallebianca, negli Appennini abruzzesi, e ricongiungersi con la famiglia.
Ma come in ogni avventura che si rispetti niente, ma proprio niente, va come dovrebbe…
Tra evasi pericolosi (ma lo sono davvero così tanto?), genitori preoccupati, alberi tagliati, poliziotti mandati in missione, fidanzate innamorate e una burrasca di neve, i due giovani fratelli vivranno un Natale davvero indimenticabile…